Attivazioni Biologiche

Vaccino a RNA

29 novembre 2020
Perla saggia:
La medicina è la sola professione
che lotta incessantemente per distruggere la ragione della propria esistenza.

James Bryce

Tratto da: RNA vaccine
Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi
"n.d.t." significa "nota del traduttore"

Un vaccino a RNA o vaccino a mRNA (RNA messaggero) è un nuovo tipo di vaccino che trasfetta frammenti di mRNA virale sintetico in cellule umane, che riprogrammano le cellule per produrre antigeni patogeni (ad esempio picchi di proteine ​​virali o antigeni del cancro), che quindi stimolano un adattamento della risposta immunitaria contro il patogeno. La molecola di mRNA è contenuta in un veicolo per la somministrazione di farmaci, come le nanoparticelle lipidiche, per proteggere i fragili filamenti di mRNA e favorire il loro assorbimento nelle cellule umane (il Cavallo di Troia, n.d.t.).

I vantaggi dei vaccini RNA, rispetto ai tradizionali vaccini a proteine, comprendono la velocità di produzione, il basso costo di produzione, e l'induzione di immunità cellulare nonché immunità umorale. [vedi l'articolo sul sistema immunitario]. Data la nuova natura del meccanismo d'azione dei vaccini a RNA, poco si sa sugli effetti collaterali a breve e lungo termine, tuttavia, sono stati evidenziati l'autoimmunità (la genesi di malattie autoimmuni verso non si sa quale organo o struttura n.d.t.) e la reattogenicità (principalmente date dalle nanoparticelle lipidiche - che potrebbero scatenare reazioni allergiche di incerto trattamento n.d.t.). La fragilità della molecola di mRNA richiede la catena del freddo alla distribuzione e la conservazione a bassa temperatura, che possono compromettere l'efficacia effettiva a causa di un dosaggio inadeguato (cioè il moloculo si è degradato prima dell'iniezione).

Fino a novembre 2020 nessun vaccino, farmaco o piattaforma tecnologica a mRNA era mai stato approvato per l'uso sugli esseri umani e, prima del 2020, l'mRNA era considerato solo un candidato teorico o sperimentale per l'uso negli esseri umani. A novembre 2020, c'erano due nuovi vaccini a mRNA in attesa di autorizzazione per l'uso in emergenza come vaccini COVID-19 (dopo aver completato il periodo di 8 settimane richiesto dopo le sperimentazioni umane finali) - MRNA-1273 di Moderna e BNT162b2 di BioNTech / Pfizer. I regolatori globali dovevano bilanciare la mancanza di dati a medio-lungo termine sui potenziali effetti collaterali del nuovo meccanismo dei nuovi vaccini mRNA COVID-19, con l'urgente necessità di affrontare la pandemia globale di coronavirus, per i quali è preziosa la capacità di produzione più rapida dei vaccini a mRNA.
(Quindi fino a un mese fa i vaccini mRNA erano pura teoria, poi dopo 30 giorni sono divenuti possibili e imprescindibili, n.d.t.)

Storia

L'uso dell'mRNA come nuova classe di farmaci terapeutici è stato dimostrato per la prima volta nel 1989, quando una biotecnologia con sede negli Stati Uniti, Vical Incorporated, ha pubblicato un lavoro che dimostrava che l'mRNA, utilizzando una nanoparticella liposomiale per la somministrazione di farmaci, poteva trasfettare l'mRNA in una varietà di cellule eucariote (cioè provviste di nucleo, n.d.t.). Nel 1990, JA Wolff et al. presso l' Università del Wisconsin, hanno riferito sui loro risultati positivi in ​​cui l'mRNA "nudo" (o non protetto) è stato iniettato in muscolo nei topi. Questi studi sono stati la prima prova che l'mRNA trascritto in vitro (IVT) potrebbe fornire le informazioni genetiche per produrre proteine ​​all'interno del tessuto cellulare vivente.

Il biochimico ungherese Katalin Kariko, ha trascorso gli anni '90 cercando di risolvere alcuni dei principali ostacoli tecnici all'introduzione dell'mRNA nelle cellule umane. Kariko ha collaborato con Drew Weissman e nel 2005 ha pubblicato un documento congiunto che ha risolto uno dei principali ostacoli tecnici, utilizzando nucleosidi modificati per ottenere mRNA all'interno delle cellule umane senza attivare il sistema di difesa del corpo.

Nel 2005, il biologo delle cellule staminali di Harvard, Derrick Rossi, ha letto il loro articolo e ha fondato la biotech Moderna con Robert Langer, che ha visto il suo potenziale nello sviluppo di vaccini. Sono state formate altre biotecnologie specializzate in mRNA (ad es. CureVac ), tra cui BioNTech, fondata in Germania e autorizzata dal lavoro di Kariko e Weissman, entrambi entrati a far parte del consiglio di BioNtech nel 2013.

Fino al 2020, le varie biotecnologie mRNA hanno avuto scarsi risultati rispetto a varie aree terapeutiche, tra cui le malattie cardiovascolari, metaboliche e renali, tumorali e le malattie rare (ad esempio la sindrome di Crigler-Najjar ), con la constatazione che gli effetti dell'inserimento di mRNA erano ancora troppo gravi. Ciò portò alcuni ad abbandonare la tecnologia, tuttavia, altri si concentrarono nuovamente sull'area dei vaccini (meno redditizia), dove le dosi sarebbero state a livelli molto più bassi (Rossi ha deciso di lasciare Moderna dopo un cambiamento strategico).

A novembre 2020, nessun farmaco mRNA era ancora stato autorizzato per l'uso negli esseri umani, tuttavia, sia Moderna che BioNTech sembrano vicini all'autorizzazione all'uso di emergenza per i loro vaccini COVID-19 basati su mRNA.

Meccanismo

Teoria

I vaccini a mRNA funzionano in modo molto diverso dai vaccini tradizionali. I vaccini tradizionali stimolano una risposta anticorpale iniettando in un essere umano antigeni (proteine ​​o peptidi), o un virus attenuato o un vettore virale codificante per l'antigene ricombinante.
Questi ingredienti sono preparati e coltivati ​​al di fuori del corpo umano, il che richiede tempo e anche quando vengono iniettati nel flusso sanguigno, non entrano nella cellula umana. Al contrario, i vaccini a mRNA trasfettano un frammento creato sinteticamente della sequenza di RNA di un virus, direttamente nelle cellule umane, che poi riprogrammano le cellule per produrre i propri antigeni virali, che quindi stimolano una risposta immunitaria adattativa, determinando la produzione di nuovi anticorpi che si legheranno all'antigene e attiveranno le cellule T che riconoscono i peptidi specifici presentati sulle molecole MHC. Inoltre, l'mRNA non viene coltivato, ma può essere progettato e prodotto più rapidamente in una sintesi biochimica; Moderna afferma di aver progettato il suo vaccino mRNA MRNA-1273 in 2 giorni.

I vaccini a mRNA non influenzano il DNA all'interno della cellula (speriamo, n.d.t.) - il frammento di mRNA sintetico è una copia della parte dell'RNA del virus che porta le istruzioni per costruire l'antigene del virus (un picco proteico, nel caso dei principali vaccini a mRNA del coronavirus). Un vantaggio dei vaccini a RNA è che poiché gli antigeni sono prodotti all'interno della cellula, stimolano l'immunità cellulare, così come l'immunità umorale.

Efficacia

A partire da novembre 2020, non ci sono risultati peer-reviewed sull'efficacia di eventuali potenziali vaccini a mRNA. Gli scienziati non sono chiari sul motivo per cui i nuovi vaccini mRNA COVID-19 di Moderna e BioNTect / Pfizer hanno mostrato potenziali alti tassi di efficacia dal 90 al 95 percento (dai loro comunicati stampa), quando i farmaci mRNA sperimentati per altri patogeni (ad es. diversi dal COVID-19), non erano stati così promettenti e hanno dovuto essere abbandonati nelle prime fasi degli studi. La virologa Margaret Liu ha affermato che potrebbe essere dovuto al "volume di risorse" che è andato allo sviluppo, o che i vaccini potrebbero "innescare una risposta infiammatoria aspecifica all'mRNA, che potrebbe aumentare la sua risposta immunitaria specifica, dato che la tecnica dei nucleosidi modificati ha ridotto infiammazione ma non l'ha eliminata completamente ", e che" questo potrebbe anche spiegare le intense reazioni come dolori e febbri riportate in alcuni destinatari dei vaccini mRNA SARS-CoV-2 "(che era associata alle molecole di rilascio del farmaco lipidico).

Oltre all'efficacia dei potenziali vaccini a mRNA in condizioni di sperimentazione clinica, l' efficacia effettiva dei vaccini a mRNA distribuito potrebbe anche essere difficile da sostenere a livelli elevati. A differenza delle molecole di DNA, la molecola di mRNA è una molecola molto fragile che si degrada in pochi minuti in un ambiente esposto, e quindi i vaccini a mRNA devono essere trasportati e conservati a temperature molto basse. Al di fuori della cellula umana, o del suo sistema di somministrazione dei farmaci, anche la molecola di mRNA viene rapidamente scomposta dal corpo umano. Questa fragilità della molecola di mRNA è un ostacolo all'efficacia effettiva di qualsiasi vaccino a mRNA a causa della disintegrazione della massa prima che entri nelle cellule, che potrebbe indurre le persone a credere e ad agire, come se fossero immuni, quando non lo sono.

[...]

Effetti avversi e rischi

Specifica

I filamenti di mRNA nel vaccino possono provocare una reazione immunitaria indesiderata; per ridurre al minimo ciò, le sequenze del vaccino mRNA sono progettate per imitare quelle prodotte dalle cellule di mammifero (cioè cellule di scimmia). [La scimmia non è umana,n.d.t.]
Alcune piattaforme vaccinali basate su mRNA inducono potenti risposte all'interferone di tipo I, che sono state associate non solo all'infiammazione ma anche potenzialmente all'autoimmunità. Pertanto, l'identificazione di individui a maggior rischio di reazioni autoimmuni (es. Lupus ), prima della vaccinazione con mRNA, può permettere l'adozione di precauzioni.
I rischi associati ai filamenti di mRNA che non sono riusciti a passare in una cellula umana sono considerati bassi, poiché la fragile molecola di mRNA dovrebbe essere rapidamente scomposta all'interno del corpo, una volta che il sistema di somministrazione del farmaco è avvenuto.
Il sistema di somministrazione del farmaco che contiene la molecola di mRNA (e che protegge i fragili filamenti di mRNA dall'essere scomposti dal corpo prima che entrino nella cellula umana), sono solitamente nanoparticelle lipidiche che possono essere reattogeniche, innescando le proprie reazioni immunitarie e causando danni al fegato a dosi più elevate. Forti effetti reattogeni sono stati segnalati in prove di nuovi vaccini COVID-19 RNA.

Generale

Prima del 2020, nessuna piattaforma tecnologica di mRNA (farmaco o vaccino) era mai stata autorizzata per l'uso negli esseri umani, e quindi c'era il rischio di effetti sconosciuti, sia a breve che a lungo termine (ad esempio promozione della crescita delle cellule cancerose). La pandemia di coronavirus del 2020 ha creato una pressione particolare poiché la capacità di produzione più rapida dei vaccini a mRNA li ha resi attraenti per le organizzazioni sanitarie nazionali e ha portato al dibattito sul tipo di autorizzazione iniziale che i vaccini a mRNA dovrebbero ottenere, inclusa l'autorizzazione di emergenza all'uso o l'autorizzazione all'accesso esteso, dopo il periodo di 8 settimane successivo alla sperimentazione finale sull'uomo.

Nel novembre 2020, Peter Hotez ha detto dell'emergente vaccino mRNA COVID-19 , «Mi preoccupo dell'innovazione a scapito della praticità», mentre Michal Linial ha detto: «Non lo farò immediatamente - probabilmente non per almeno il prossimo anno» e «Dobbiamo aspettare e vedere se funziona davvero». Tuttavia Linial ha anche aggiunto: «I vaccini classici sono stati progettati per impiegare 10 anni per svilupparsi. Non credo che il mondo possa aspettare un vaccino classico». Tal Brosh, il capo dell'unità malattie infettive presso l' ospedale Samson Assuta Ashdodha detto: «C'è una corsa per far vaccinare il pubblico, quindi siamo disposti a correre più rischi», e «Avremo un profilo di sicurezza solo per un certo numero di mesi, quindi se ci sarà un effetto a lungo termine dopo due anni, non possiamo saperlo,» aggiungendo «ma poi avremmo il coronavirus per altri due anni».

Nel novembre 2020, il Washington Post ha riferito di esitazione tra gli operatori sanitari negli Stati Uniti nei confronti dei nuovi vaccini a mRNA, citando sondaggi che riportavano che: "alcuni non volevano essere al primo turno, quindi potevano aspettare e vedere se potenziali effetti collaterali ", e che "medici e infermieri vogliono più dati prima di sostenere i vaccini per porre fine alla pandemia".

Conservazione

L'mRNA è fragile e quindi il vaccino deve essere mantenuto a temperature molto basse per evitare la degradazione e dare così poca immunità efficace al ricevente; per esempio, il vaccino mRNA BNT162b2 deve essere mantenuto a -70 gradi Celsius, anche se Moderna afferma che il suo vaccino MRNA-1273 può essere conservato a -20 gradi Celsius (paragonabile a un congelatore domestico), e rimane stabile da 2 a 8 gradi Celsius.

Vantaggi

Vaccini tradizionali

I vaccini a RNA offrono una serie di vantaggi specifici rispetto ai tradizionali vaccini proteici:
Poiché i vaccini a RNA non sono costruiti da un agente patogeno attivo (o anche da un agente patogeno inattivato), non sono infettivi. Al contrario, i vaccini tradizionali richiedono la produzione di agenti patogeni che, se prodotti a volumi elevati, potrebbero aumentare i rischi di focolai localizzati del virus presso l'impianto di produzione.
I vaccini a RNA possono essere prodotti più velocemente, più a buon mercato e in modo più standardizzato (cioè meno tassi di errore nella produzione), il che migliora la risposta alle epidemie.

Vaccini a DNA

Oltre a condividere i vantaggi dei vaccini a DNA teorici rispetto ai tradizionali vaccini proteici, la vaccinazione a RNA offre ulteriori vantaggi, tra cui:

Conclusioni

Ho voluto tradurre (con l'aiuto di Google Translate) questo articolo per adempiere al mio progetto/missione di informare la gente.
Io sono un NO-VAX per me e non chiedo certo che lo siano anche gli altri. La mia Stella Polare è rappresentata dal concetto che se la Natura voleva renderci impenetrabili da virus e microbi l'avrebbe fatto. L'altro concetto di fondo è che l'organismo è un tempio che si autoregolamenta e che comunica con il mondo circostante in funzione di una missione biologica ben precisa, ogni alterazione crea disequilibrio non solo nel singolo individuo, ma nell'intero ecosistema.
Un milione e mezzo di anni di evoluzione e siamo al punto di minacciare di fatto la specie umana per questioni finanziarie e di supponenza, per non trascurare l'ignoranza in materia di Natura e interazioni tra esseri viventi (ammesso che ci siano esseri non viventi).
Chi vuole il vaccino mRNA se lo faccia con serenità, è ciò in cui crede e ne avrà certo un vantaggio.
Chi non se lo vuol fare sia libero di rimanere immune a certe presunzioni pseudo-scientifiche, rispettando l'inviolabilità del proprio tempio corporeo.
Infine e per onestà intellettuale, Wikipedia NON è il verbo e non detiene la verità assoluta, per cui siete invitati ad informarvi verso altre fonti.

Iscriviti al Bollettino Novità - Invia il tuo indirizzo E-mail a giorgiobeltrammi@gmail.com

Se ritieni che il mio lavoro abbia un valore, puoi contribuire con una piccola donazione Paypal

A proposito di...
A proposito di...
Bio-Pedia Humana
Bio-Pedia Humana