Salta il menu

Attivazioni Biologiche
5 Leggi Biologiche e non solo!

L'Era post-antibiotici - La Teoria dei germi

Perla saggia:
Una volta che si è interferito nell'ordine della Natura
non si può sapere dove vanno a finire gli esiti.

Herbert Spencer
di Tim O'Shea - The Post-Antibiotic Age: Germ Theory
Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi
Indice
  1. La Teoria dei Germi
  2. Qual'è il grande segreto?
  3. Hume
  4. Postulate questo
  5. Oops!
  6. Un'altra teoria
  7. Pasteur vince
  8. Qualche intoppo
  9. La creazione della credibilità
  10. Abraham Flexner
  11. Penicillina
  12. Madre Natura batte sempre per ultima
  13. I fabbricatori di epidemie
  14. Laciate stare i bambini!
  15. The Big Boys
  16. Jackpot!
  17. Di chi è la colpa?
  18. La festa è quasi finita

Permettetemi alcune domande:

Domande come queste coinvolgono alcuni personaggi famosi: Pasteur, Bechamp, Koch, Bernard, Carnegie, Rockefeller, Fleming, ognuno dei quali verrà menzionato. Ma prima di lanciarsi in tutto questo, puntiamo indietro l'orologio per un momento e andiamo al 1350 D.C. Luogo: il continente Europeo.
In meno di due anni, la piaga bubbonica della peste aveva cancellato metà della popolazione in Europa. Le pulci pungevano i topi e questi mordevano gli umani, ma nessuno lo sapeva. Erano morte circa 25 milioni di persone. Alcune città avevano avuto una mortalità del 90%. I corpi venivano messi su dei carri e portati via per essere bruciati in falò comuni. Dall'infezione alla morte bastava appena una settimana. Prima di questo evento, la piaga della peste era stata assente per circa 1000 anni. Gli studenti di allora hanno attribuito le cause della peste a spiriti maligni, tributi al divino, ecc. Per lungo tempo e fino ad oggi, altri scienziati continuano a fare questa domanda: perché alcuni sono morti ed altri sono sopravvissuti? Cosa ha fatto la differenza? Oggi conosciamo la risposta.

Andiamo ora in avanti di qualche centinaio di anni, in Francia nel 1870. Tre scienziati conducevano esperimenti nell'area della chimica, avendo a che fare in modo particolare con la fermentazione e con la scoperta di piccoli organismi chiamati batteri. Tutti erano coinvolti in ricerche similari, ma c'era molta competizione e "gonfiaggio" delle scoperte, sempre con qualche influenza politica sottostante, come d'uopo. I protagonisti erano Louis Pasteur, Antoine Bechamp e Robert Koch, il Germano. Non erano colleghi, ma lavoravano in modo indipendente.
Ognuno di loro sapeva di trovarsi in un'area completamente nuova delle scoperte umane e la corsa si svolgeva sull'influenzare il mondo medico.

È stato Pasteur a vincere la corsa. Oggi gli studenti memorizzano che Louis Pasteur "ha scoperto" la Teoria dei Germi. Ciò è non solo poco accurato, non solo la Teoria dei Germi non è sostenibile anche oggi, ma lo stesso Pasteur, in una delle più quotate ammissioni sul letto di morte, respinse la Teoria dei Germi ammettendo che i rivali avevano ragione, che i germi non sono le cause di malattia, ma ciò che conta è il terreno in cui i germi vengono ritrovati: "Bernard acail raison; le terrain c'est tout, le germe c'est rien."

La Teoria dei Germi

Che cos'è esattamente la Teoria dei Germi? Molto semplicemente, la Teoria dei Germi afferma che ci sono diverse malattie separate tra loro e che ogni malattia è causata da un particolare microorganismo. È stato il gioco della scienza, quindi, trovare la giusta medicina o il giusto vaccino che uccidesse selettivamente il "bagarozzo" impudente, senza uccidere a sua volta la persona.
Sarebbe straordinario, ma la Natura raramente è così bianco/nero riguardo alle sue cose, non vi risulta? Batteri e virus tendono ad essere "ambiente-specifici". Per questo qualcuno prende l'influenza e qualcun altro no. È per questo che qualcuno è sopravvissuto alla peste bubbonica. Ed è anche per questo che la maggior parte di medici e infermieri sembrano essere immuni alle malattie, pur operando per molto tempo in ospedali pieni di malati.
Deepak Chopra ci dice di uno studio in cui il virus dell'influenza fu isolato e impiantato direttamente nelle mucose di un gruppo di soggetti e che solo il 12% di essi ha manifestato la malattia. (Quantum Healing)

La Teoria dei Germi ha tanti buchi come un formaggio svizzero ed è probabile che lo stesso Pasteur lo sapesse. Ma una piccola ricerca ha mostrato come Pasteur avesse un debole per le public relations. Raramente lasciava le sue ricerche lontane dall'opportunità di guadagnare delle royalties o di frequentare la società medica delle più prestigiose università. È stato citato e pubblicato e fatto oggetto delle più remunerative offerte di titoli onorifici e poltrone in tutta Europa. Le ricerche hanno mostrato non solo dei sospetti, ma sembrano mostrare chiaramente che Pasteur abbia preso a "prestito" ricerche altrui per alcune delle sue scoperte e capitalizzato ciò per la sua rinomanza.

Qual'è il grande segreto?

Prima di morire, Pasteur istruì la sua famiglia a non rilasciare circa 10.000 pagine di annotazioni di laboratorio dopo la sua morte. Fino al 1975, dopo la morte di suo nipote, quando queste note "segrete", finalmente, furono rese pubbliche. Uno storico di Princeton, Professor Geison fece degli studi approfonditi su queste note di laboratorio. Presentò questi studi presso The American Association for the Advancement of Science a Boston nel 1993. Le conclusioni del Dr. Geison: Pasteur pubblico molti dati contraffatti e fu colpevole in molte occasioni di "cattiva condotta scientifica", violando le regole della medicina, della scienza e dell'etica.
Come Koch, Pasteur era molto motivato dai soldi. Nella competizione per il vaccino contro l'Antrace, ad esempio, non solo Pasteur non fece dei test sugli animali prima di usarlo sugli umani; è stato stabilito che Pasteur effettivamente rubò la formula da un collega chiamato Toussaint. Incapace di provare il furto a quell'epoca, Toussaint morì pochi mesi dopo per esaurimento nervoso. (Hume)

Hume

C'era un libro pubblicato nel 1932 che è ancora stampato oggi: Bechamp o Pasteur? Questo libro è stato scritto da E. Douglas Hume. Hume racconta di un contemporaneo di Pasteur, Antoine Bechamp, il più rispettato ricercatore e insegnante nella Francia di quel tempo, Capo dipartimento dell'Università di Lille.
Bechamp era troppo occupato per perdersi in congressi, riconoscimenti e politica. Era un professore ed un ricercatore e questo occupava ogni suo momento fino alla morte all'età di 93 anni. Bechamp sosteneva che i microbi NON fossero la causa di malattia, ma che fossero le condizioni in cui vivono i microbi ad essere la malattia. La malattia avviene quando uno squilibrio risulta così grave da richiedere la presenza dei microbi. Cosa determina tutto questo? Condizioni di debolezza ed un sistema immunitario depresso. Alla fine tutti, compreso Pasteur, riconobbero che i microbi - batteri e virus - non causano da soli la malattia.

Una piccola ricerca scopre le seguenti incredibili note riguardanti Pasteur, che il lettore è pregato di approfondire:

Nonostante la sua Teoria dei Germi, ci sono stati molti oppositori ad essa persino ai tempi dello stesso Pasteur. In una lettura eseguita a Londra il 25 maggio 1911, M.L. Leverson, Medico, disse: "L'intero fabbricato della Teoria dei Germi come causa di malattia, rimane ancora senza una singola prova, ma anche che non è possibile provarla e che le prove ritenute valide, sono dimostratamente il contrario della verità. La base di queste dichiarazioni, tutte di Pasteur, è l'ipotesi che tutti i cosiddetti disturbi infettivi e contagiosi sono causati dai germi."

Inoltre, dalla più famosa rivista medica, il Lancet, 29 Mar 1909, troviamo: "I Postulati di Koch sono raramente, se non mai, in accordo con essa."

Lo scopritore della teoria cellulare, Rudolf Virchow, riguardo alla Teoria dei Germi, disse semplicemente: "I germi cercano il loro ambiente naturale - tessuto malato - piuttosto che essere la causa del tessuto malato."
Bieler, p 40

Virchow percepiva che la presenza dei germi indicava il tessuto come malato, ma non erano la causa della malattia. Un tessuto indebolito o malato può essere l'area bersaglio per i micro-organismi, un ambiente ospitale in cui essi vivono in modo ideale. Ma questo è molto diverso dal considerare i germi la causa della malattia.
La stessa idea si mostrò a Bechamp un giorno, quando gli venne consegnato un braccio amputato nel suo laboratorio. Come conseguenza di una violenta ferita al gomito di una paziente, la gangrena si manifestò nel giro di otto ore e l'amputazione era l'unica opzione. Bechamp immediatamente iniziò ad analizzare l'arto amputato, usando un microscopio. Con molto stupore scoprì che non erano presenti batteri nell'arto in gangrena. Dopo poche ore i batteri cominciarono a comparire, ma all'inizio non ce n'era nessuno. L'associato di Bechamp, Professor Estor, rimarcò il fatto che "I batteri non possono essere la causa della gangrena, essi sono l'effetto di essa." (Hume p. 134)

Postulate questo

Robert Koch era in gara con Pasteur per trovare la causa dell'antrace, di cui moriva molto bestiame in tutta Europa. Prendendo del sangue da bestiame malato ed isolando il batterio da esso, Koch allora iniettò il batterio in topi di laboratorio. Quando i topi morirono, Koch fece una coltura del sangue preso da essi e lo paragonò con quello preso dal bestiame ammalato. Sviluppò delle procedure e i suoi Postulati sono ancora oggi studiati nelle università come fondamento della Teoria dei Germi:

  1. il microorganismo deve essere presente in ogni caso
  2. deve essere isolato
  3. deve causare la malattia in ospiti sani
  4. deve nuovamente essere isolato

Ogni postulato è stato smentito, in ogni sede, ma questo non è stato sufficiente per cacciarli dal posto in cui sono, ovvero la base della religiosa Teoria dei Germi. I vaccini contro l'Antrace sia di Koch che di Pasteur furono un colossale fallimento, con migliaia di pecore uccise in tutta Europa come parte dell'"esperimento", specialmente in Italia e Germania. È interessante notare anche che sia Koch che Pasteur hanno fatto il possibile per nascondere i risultati di questi fallimenti. (Hume)

Oops!

Koch creò il primo vaccino contro la tubercolosi, impiegando gli stessi postulati. Chiamò il vaccino Tubercolina. Nella sola Berlino furono inoculate 2000 persone. Sfortunatamente morirono in un numero maggiore di quelli che non ebbero alcun trattamento.
La Tubercolina semplicemente non funziona. Più stressante per Koch fu l'ammissione, da parte del governo prussiano, che egli aveva fatto un accordo esclusivo per vendere il rimedio e dividere i profitti. Non solo fu un disastro politico per il governo prussiano e per lo stesso Koch, ma fu messa in imbarazzo la causa della medicina scientifica, quando il prestigio del metodo scientifico, soffrì immediatamente di questa vergogna. Koch non riacquistò mai più la sua credibilità ed è ricordato oggi solamente per i suoi postulati. Ma Koch aiutò molto lo sposalizio tra medicina e marketing, il cui divorzio è ben lungi dall'essere prossimo, specialmente ai nostri giorni.
Al cambiamento di secolo, la tubercolosi era la principale causa di morte negli USA. (Garrett)

Un'altra teoria

Antoine Bechamp, dalle cui ricerche Pasteur attinse, mostrò un interessante punto di vista che non è stato mai confutato. Bechamp scoprì dei microscopici organismi che chiamò "microzimi" che sono presenti in ogni cosa - animale, vegetale e minerale, siano essi morti o vivi.
Dipendendo dalle condizioni dell'ospite, questi microzimi possono assumere varie forme. Batteri patogeni e virus sono semplicemente delle forme assunte dai microzimi quando ci siano condizioni di malattia. In un corpo malato, i microzimi diventano batteri patogeni e virus. In un corpo sano, i microzimi formano cellule sane. Quando una pianta o un animale muore, i microzimi continuano a vivere. Ad oggi, l'intera teoria dei microzimi non è stata mai smentita.
Ricercatori successivi, come Naessens ed Enderlein seguirono la stessa linea di ragionamento e svilupparono il loro sistema per spiegare come funzionano questi microzimi. Sebbene le loro idee non siano mai state confutate da ricerche opposte, essi sono stati perseguitati dalla medicina convenzionale, il che ha perfettamente senso. Senza un nemico da identificare e distruggere, che senso ha produrre delle armi?
E lo sviluppo delle armi, i farmaci, è stata la ragione dell'industria messa in piedi da Carnegie e Rockefeller ancora oggi potentissima, come abbiamo potuto vedere. Nuovi farmaci significano nuovi fondi per la ricerca e soldi statali, il bisogno di prescrizioni e di una professione che scriva quelle prescrizioni.

Pasteur vince

Come hanno fatto le idee di Pasteur a diventare il fondamento della medicina organizzata? Politica. Economia farmaceutica.
All'inizio della sua carriera, Pasteur fu decorato dall'imperatore Napoleone. La sua posizione come scienziato venne quindi messa al sicuro, anche se era solo un chimico, senza alcuna credenziale in medicina e fisiologia. Gli scienziati di allora, in Germania e Francia, erano alle prese con le domande principali riguardanti l'umanità e la natura degli esseri viventi:

Per la prima volta nella storia, le cose venivano alla luce. Le scoperte erano state fatte circa argomenti fondamentali, ma in un modo molto frammentato.
Erano tempi ideali per un opportunista che traesse vantaggio dalla generale incertezza e mancanza di comprensione, per poter dire di avere capito tutto ed averlo fatto per primo. Pasteur era noto per avere l'abitudine di trovarsi dai due lati di una cosa che non comprendeva, per poi successivamente enfatizzare le parti dei suoi primi scritti che supportavano le ultime scoperte, rimarcando sempre di essere stato il primo ad aver capito tutto.
Solamente gli scienziati comprendevano la complessità di queste idee emergenti. La corte reale e la stampa che sapevano solo che qualcosa si stava sviluppando, ma non specificamente cosa, furono spinte a credere che ciò fosse vero. E per loro, un camaleonte come Pasteur era l'uomo giusto.
I politici non cambiano mai. Lo stesso tipo di pensiero che imprigionò Galileo, molto tempo prima, per aver scoperto che la Terra gira intorno al sole e non viceversa, è stato quello che ha spinto Pasteur, un ambizioso opportunista, in una posizione che non meritava.
Divertente come spesso le cose non vengono scoperte fino a che un aspetto commerciale non richieda la loro scoperta.

Howard Hencke, nel suo libro del 1995 "The Germ Theory: A Deliberate Aberration", nota che è stato un punto cruciale per la nuova industria farmaceutica.
"... per indottrinare il pubblico del mondo occidentale con la credenza che la salvezza dalla malattia risieda in qualcosa all'esterno della propria responsabilità, deve credere che derivi da fattori esterni...e che i rimedi chimici (farmaci) li libereranno dalla malattia, indipendentemente dalla loro responsabilità."

L'autore del lungamente soppresso libro "Pasteur o Bechamp?" afferma:
"Se non fosse stato per la vendita massiccia dei vaccini, la Teoria dei Germi di Pasteur sarebbe collassata nell'oscurità."
- E. Douglas Hume

Qualche intoppo

Effettivamente ce ne sono stati molti di più, come le più importanti ricerche sui vaccini hanno dimostrato. Fin dall'inizio, l'idea di perforare la pelle con un ago era sospetta per qualsiasi ragione, per non parlare dell'introduzione di nuove proteine ed agenti in ciò che si supponeva essere un ambiente inviolabile: il sistema circolatorio. Le iniezioni erano e sono una totale violazione della Natura.
Normalmente nulla entra nel circolo sanguigno se non attraverso il sistema digerente. È il sistema che usa la Natura per proteggere il sangue da invasioni esterne. Ci sono dei ricercatori che si oppongono alla inoculazione:
"I più gravi disturbi possono essere provocati dall'iniezione di organismi viventi nel sangue...in un ambiente non inteso per questo, ciò può provocare gravi manifestazioni di fenomeni patologici."
- Bechamp

Un report medico dai campi di battaglia del Sud Africa, durante la Guerra dei Boeri, nella prima parte del secolo ventesimo, scritto da Walter Hadwen nel suo libro "Microbes and War", annota che la sola guerra ha provocato 86.000 morti. Con il 100% delle inoculazioni, si sono aggiunte altre 96.000 vittime per le sole malattie!
Nel 1915, un altro medico scrisse un articolo per la maggiore rivista medica britannica "Lancet". Il Dr. Montais studiò 21 casi di tetano, ognuno dei quali aveva ricevuto l'inoculazione di Pasteur. La conclusione dell'articolo, apparso il 23 ottobre 1915, fu che in ogni singolo caso, il tetano era stato causato dall'inoculazione. Il Dr. Montais scrisse "Pasteur ha creato una nuova forma di malattia."

Dovremmo comprendere che è stato Pasteur ad iniziare la moda di studiare condizioni di malattia indotta artificialmente: "inducendo la malattia con iniezioni patogene in soggetti animali e umani, invece di studiare soggetti ammalati in modo naturale."
Pasteur iniziò la pratica della vivisezione e di orribili esperimenti su animali, che non hanno mai mostrato di avere alcun valore scientifico. Perché no?
Allo stato naturale, gli animali semplicemente hanno malattie diverse da quelle umane. Questo errore ci ha portati ad un percorso costoso e senza traguardi. Come speriamo di curare le malattie umane causando negli animali malattie che non sono generate in Natura, pretendendo poi che queste malattie siano le stesse di quelle di partenza, e poi cercare quali farmaci possano sanare i sintomi animali? Non solo, ma concludiamo illogicamente che quegli stessi farmaci avranno gli stessi effetti sugli umani! Idiozia allo stato puro.

Quindi come è possibile che alla soglia del XXI secolo, la medicina organizzata agisca ancora come se la teoria dei germi fosse scolpita nella pietra e che tutti i proventi derivino da questa premessa? E che la maggior parte della gente ci crede ancora?
La risposta a queste domande richiede ancora un pochino di pazienza

Andiamo avanti al 1880 e 1890. La Rivoluzione Industriale, l'era del carbone, del petrolio, dell'elettricità, delle macchine, del treno e delle automobili. Due figure hanno torreggiato in questa epoca, che hanno avuto più potere sulla scienza, l'industria, la finanza e la politica di chiunque altro nella storia. Naturalmente stiamo parlando di Andrew Carnegie e J.D. Rockefeller. Il controllo di Carnegie e Rockefeller sulla maggior parte della vita americana è qualcosa di meraviglioso e visibile, che si estende fino ai giorni nostri. Il cambiamento stava prendendo piede ad una velocità fuori dal controllo della politica e per la prima volta nella storia, il controllo passava nelle mani di privati. Senza andare in una lunga arringa politica, voglio solo toccare un aspetto in cui tale potere si è manifestato - la crescita della medicina organizzata.

Prima del 1880, la maggior parte della medicina consisteva di rimedi popolari, principalmente erbe, chirurgia brutale e odontoiatria. Per secoli non c'erano stati sostanziali cambiamenti nel settore della medicina. La superstizione era la figura preminente, come lo sono i farmaci oggi. L'uso di sanguisughe e salassi era ancora comune, la ragione era quella di "espellere il cattivo sangue'", dove si riteneva risiedessero gli spiriti maligni. Comune era anche la trapanazione del cranio, pratica che risaliva persino agli antichi faraoni.

Nell'Europa rinascimentale, barbieri e chirurghi erano la stessa professione, combinando il servizio di barberia con l'asportazione di denti e il salasso. Nel 1700, Re Edward IV istituì la corporazione dei "barber-chirurgiens" che offrivano i suddetti servizi. Fino a che nel 1800 Re George II separò i barbieri dai chirurghi in due professioni separate.

Tra le altre cose, Carnegie e Rockefeller controllavano le industrie del petrolio e del carbone. Nel 1900, si accorsero che queste industrie producevano montagne di rifiuti anno dopo anno. Venne presentata una idea originale: come tradurre questi rifiuti in ulteriore fonte di guadagno? Una idea capitale, ma come? Medicina, ecco come. Ma medicina come il mondo non aveva mai visto. Medicina basata sulla chimica. Farmaci.

La creazione della credibilità

Una idea magnifica. Ma come il popolo avrebbe accettato una idea tanto strana? Questo era il problema. Il popolo assumeva cure naturali e solo occasionalmente ricorreva al medico per qualcosa di "serio". Il modo per guadagnare accettazione delle nuove medicine divenne presto ovvio: standardizzare l'educazione, la formazione e la credibilità dei dottori in medicina ed elevando il loro livello economico al punto che avrebbero seguito il profitto.
Circa nel 1904 Andrew Carnegie si accorse che i lavoratori delle proprie industrie percepivano uno stipendio superiore a quello dei medici. Consultando il presidente del MIT, Henry Pritchett, fondò la Carnegie Foundation con 10 milioni di dollari. Il suo proposito originale era di offrire un fondo pensione per i professori a riposo. Ma presto emerse una nuova applicazione: controllo dell'educazione. Il nome fu cambiato a Carnegie Foundation for the Advancement of Teaching, e Pritchett espanse il proposito originale, chiamandolo ora "una grande agenzia votata a rafforzare l'educazione americana attraverso la ricerca scientifica."
Spesso i miliardari vi dicono che stanno facendo qualcosa per voi, di solito è il momento di dare una occhiata al vostro portafogli. Non vi pare?
La Fondazione ebbe un immenso successo. Il controllo sugli standard educativi agì in questo modo: in funzione di qualificarsi per il nuovo sistema pensionistico, una istituzione partecipante doveva conformarsi agli standard della Fondazione. Nel primo anno, solo 52 dei 421 colleges furono accettati.

Abraham Flexner

Un insegnante non-medico fu contattato dalla Carnegie Foundation per viaggiare attraverso i paesi ed "osservare" l'educazione medica. Il suo studio di riferimento, conosciuto come Rapporto Flexner, fu pubblicato nel 1910. Sulla base delle sue raccomandazioni, la Fondazione uscì allo scoperto mostrando di non essere solamente un piano pensionistico per professori, ma ben altra cosa che interveniva in una precisa area: finanziamento alla ricerca. Le scuole che aderivano al Rapporto Flexner, ovvero agli standard della Fondazione vennero finanziate e fornite di sussidi. Quelle che non aderirono, non ricevettero nulla. In questo modo i giganti dell'industria poterono dettare il tipo di cure mediche. I metodi tradizionali di cure naturali caddero in disgrazia, in favore di un approccio più "scientifico", il che alludeva a quelle scuole che disseminavano i prodotti della neonata industria farmaceutica. Le maggiori università nella gerarchia medica che si sono allineate alla Fondazione Carnegie sono oggi:

Per non essere da meno della Carnegie Foundation, la Rockefeller Foundation tese ad ascendere in importanza. Impiegando nuovamente la direzione di Abraham Flexner, la Rockefeller Foundation sviluppò gli standard per le scuole di medicina che cercavano un supporto "filantropico". Belle parole.
Nel 1904 c'erano 5747 medici. Solo 15 anni dopo, dopo il Rapporto Flexner del 1919, ce n'erano solamente 2658. Nello stesso periodo di 15 anni il numero di scuole mediche, passò da 16 a 81

Le scuole dovevano essere connesse alle grandi università. Le università dovevano essere collegate ai dipartimenti clinici con laboratori ed un ospedale universitario. Usando i fondi di Rockefeller, Flexner fu capace di sviluppare un piccolo gruppo di scuole mediche di élite che fossero orientate alla clinica. Esse avevano del materiale grezzo per i nuovi farmaci. Ciò che mancava era una potente base accademica che legittimasse il loro sviluppo e l'uso generalizzato.

L'infrastruttura educativa, i finanziamenti, la ricerca e l'organizzazione medica che persiste ancora oggi fu creata in pochi anni. Come mai la medicina popolare, che era rimasta negli usi comuni, fu gettata nell'immondizia così presto? Guidata dalle specifiche di due delle maggiori forze economiche mondiali della storia, Carnegie e Rockefeller, la medicina organizzata divenne una industria, con il suo obiettivo principale nella crescita del mercato. Una industria che si basa sulla malattia non cerca di distruggere se stessa curando le malattie, non vi pare? Questo è il motivo per cui in tutti questi anni le cure non farmaceutiche sono state sistematicamente soppresse. È solo ed esclusivamente una questione di buoni affari.

Contro questo ritorno, la fantasiosa Teoria dei Germi è stata fatta resuscitare e riportata alla carica per il secondo round.

Il fatto che sia stata ripudiata dal suo fondatore e da molti contemporanei, non è stato mai menzionato nei circoli medici che aspettavano il finanziamento annuale successivo. La Teoria dei Germi si adattava bene con il nuovo paradigma medico orientato al mercato: se i batteri cattivi sono la fuori a causare delle malattie, noi cercheremo nuovi farmaci per ucciderli. Era un matrimonio di espedienti.
Alla fine degli anni venti, la spavalda industria medica stava guadagnando forza. Fu aiutata dalla incidenza sempre minore di malattie infettive; incidenza in calo grazie alle nuove e più incisive pratiche di sanificazione, per le quali la medicina aveva assunto molto credito.

La politica della medicina stava diventando sempre più forte anno dopo anno, così come le nuove istituzioni costruite e finanziate si dirigevano verso quei progetti di ricerca che avessero la massima potenzialità per il mercato futuro. L'influenza epidemica del 1918, che provocò milioni di morti, dimostrò che il nuovo approccio "scientifico" aveva ancora molto da imparare riguardo alla prevenzione delle malattie. Semplicemente non c'era una cura, perché il virus si disseminava attraverso la popolazione.
La mai provata Teoria dei Germi è stata accettata come politica in gran parte perché ogni opposizione a essa aveva poche probabilità di pubblicazione.
Tuttavia, un piccolo gruppo di scienziati, consapevoli che il lavoro di Bechamp era una visione molto più ragionevole della realtà fisica, ha continuato a sviluppare la ricerca in una direzione diversa rispetto a quelle che sancivano che i germi sono causa di malattia. La "scienza" stava funzionando, con il purosangue del nuovo mercato dei farmaci, ma il metodo scientifico rimaneva nella polvere. La Teoria dei Germi è stata sancita come dogma della nuova Religione.
Il Dr. J.H. Tilden, tra gli altri, non si adattava a questi nuovi servizi religiosi:
"... i medici combattono senza sosta il nemico immaginario: le persone sono così saturate dall'idea che la malattia debba essere combattuta in ogni modo, da non essere soddisfatte da un trattamento conservativo. Qualcosa deve essere fatto, anche se lo si paga con la propria vita, come fanno ogni giorno decine di migliaia di persone. Questa volontà di morire sull'altare della superstizione medica, è un motivo molto importante affinché non si realizzi un vero e proprio miglioramento nei fondamenti della scienza medica".
Toxemia Explained 1926
1926? Suona come il 2001. Ulteriore deja vu.

Penicillina

Nel 1928, tuttavia, La Teoria dei Germi ricevette una fortissima spinta che la si avverte ancora oggi. Il Dr. Alexander Fleming, uno scienziato inglese, scoprì accidentalmente che le sue colture erano state distrutte da una muffa. Per i successivi 14 anni, scienziati inglesi e americani isolarono e testarono con successo la penicillina, in segreto. Tuttavia, nel 1942 un incendio al The Cocoanut Grove, il nightclub più vecchio di Boston, uccise e ferì centinaia di persone. La penicillina fu presto inviata a Boston in tempo per prevenire infezioni tra gli ustionati. La news esplose e la gara per produrre in massa la penicillina, il Farmaco Miracoloso, era iniziata. Dal 1944, tutte le richieste militari americane di penicillina, dovevano essere soddisfatte.
Questo singolo evento, la scoperta della penicillina, innalzò la credibilità della medicina organizzata come nessun altro evento poté nella sua storia. Per la prevenzione e la cura delle malattie infettive fu certamente un rimedio meraviglioso e miracoloso. Migliaia e migliaia di persone sono morte di infezione nel corso dei secoli. Finalmente c'era una prova positiva sulla correttezza della Teoria dei Germi.
Ancora una volta, la Natura mostrava di non essere bianco o nero. Infatti...

Madre Natura vince sempre per ultima

Nelle sue prime ricerche per la formulazione della penicillina, Sir Alexander Fleming conosceva molto bene le modalità con cui gli esseri viventi possono cambiare quando nel loro ambiente vengano introdotti elementi stressanti o tossici. Sapeva, forse meglio di chiunque altro, i pericoli derivanti dalle resistenze conseguenti all'abuso di penicillina, e si schierò contro l'abuso fin dall'inizio, come espresse in una intervista concessa al New York Times nel 1945:
"La maggior possibilità di patologia nell'auto medicazione è l'uso di dosi troppo piccole, quindi anziché debellare i microbi gli si insegna a resistere alla penicillina..."

Pensiamola in questo modo: le più antiche forme di vita della terra sono batteri e virus. Sono su questo pianeta da miliardi di anni. Sono sopravvissuti a miriadi di cambiamenti ambientali - caldo, freddo, umidità, secchezza, con ossigeno, senza ossigeno, terremoti, eruzioni vulcaniche, glaciazioni - e via di questo passo. Sono ancora qui. Migliaia di specie di piante e animali sono comparsi e scomparsi per il loro non adattamento alle più disparate condizioni.
Quindi non è azzardato dire che i maestri di adattamento più efficaci sono virus e batteri.
Improvvisamente negli anni '40 abbiamo introdotto una nuova sostanza nella popolazione umana: la penicillina, una sostanza che vuole uccidere tutti i batteri. Pensate che i batteri abbiano incontrato altre situazioni stressanti nei precedenti 3 miliardi di anni? Probabilmente si. Come sono sopravvissuti? Sono cambiati - i dottori direbbero 'mutati'. Quelli che sono mutati sono sopravvissuti, il resto è morto.
Anche agli inizi dell'era degli antibiotici, i medici notarono i segni della mutazione.
All'esposizione agli antibiotici, se i batteri cambiano e sopravvivono, sono definiti antibiotico-resistenti.
Dagli anni '40, sono stati sviluppati molti tipi di antibiotici ed oggi ce ne sono circa 160 tipi. Il problema è che la maggior parte di essi sono leggermente diversi dai pochi ceppi di base. E la resistenza a questi ceppi basali sta aumentando anno dopo anno.

La resistenza ai farmaci è una delle principali cause di morte negli USA: più di 70 mila persone muoiono ogni anno a causa di ciò, secondo il National Institutes of Health.(Garrett) Queste persone hanno contratto infezione mentre erano in ospedale per il trattamento di qualcos'altro, secondo il documentario "The Coming Plague" del maggio 1997. Non si conoscono antibiotici che possano aiutare queste persone, che muoiono.
La crescente mortalità per malattie infettive è palese. Uno studio del 1992 eseguito dal CDC's Institute of Medicine ha mostrato che la mortalità per malattie infettive è salita al 22% in tutto il mondo dal 1980 al 1992. (Slavkin, p108)
Ecco alcuni esempi di questo problema:

I fabbricanti di epidemie

Negli anni '60, i medici sorpassarono la resistenza dello stafilococco con un altro antibiotico chiamato meticillina. Ha funzionato per un po', ma non a lungo. Nel 1992, almeno il 40% delle infezioni da stafilococco era resistente alla meticillina, secondo il New England Journal of Medicine, del 28 Aprile 94. Dal 1993, solo un killer di stafilococchi è rimasto: la Vancomicina. Tuttavia ad oggi non è più vero. Ci sono dei ceppi di stafilococco che sono resistenti anche alla vancomicina. Che significa che sono resistenti anche a penicillina e meticillina. Cos'è rimasto? Niente.

Parliamo di streptococchi.
Molte delle infezioni da streptococco resistente hanno guadagnato la ribalta negli anni passati quando le persone morivano atrocemente. Esempi di queste storie di "malattie mangia-carne" apparvero di volta in volta sui giornali. Si tratta dello streptococco di Gruppo A che è resistente a tutti gli antibiotici e può coinvolgere connettivo, muscoli e organi interni. Ora sappiamo che i giornali non sono fonti attendibili di informazione, in quanto tendono a esagerare dei fatti per vendere più copie. Quindi le cose non hanno raggiunto le condizioni che si sono viste nel film con Dustin Hoffman "Outbreak". Ma molte credibili autorità mediche hanno affermato che non si tratta più del se vedremo uno scenario come con Ebola, ma quando lo vedremo.
Oggi il 30% delle polmoniti da streptococco sono resistenti alla penicillina, quando un tempo era efficace nel 100% dei casi.
Oggi il 30% dei casi di gonorrea sono resistenti alla penicillina e alla tetraciclina, mentre 10 anni fa erano efficaci nel 100% dei casi. Il CDC non consiglia più questi antibiotici per questa malattia.
Il Dr.Fred Tenover, del Centers for Disease Control in Atlanta ha detto:
"Abbiamo dei ceppi [di streptococco] ora, sebbene non tutti, che sono resistenti essenzialmente a tutti i nostri antibiotici ad uso clinico."

Lasciate stare i bambini

Comincia tutto con la nascita, con le infezioni alle orecchie. Otite media, la chiamano così. Anche con un leggero rossore attorno alle orecchie, o un leggero prurito o dolore, ogni buona madre porterebbe il bimbo da un medico per un checkup, giusto? Prescrizione? Antibiotici. Si signore uccideremo quei brutti microbi prima ancora che abbiano possibilità di agire.
Antibiotici per cosa? È ovvio - batteri. Ma secondo il NEJM, del 28 gennaio 99, almeno il 41% delle otiti medie sono causate da virus (sul ruolo dei virus vedi la Quarta Legge Biologica). Ma vi danno gli antibiotici ugualmente, e spesso nemmeno a seguito delle richieste dei genitori. Questo solo per le otiti medie accertate, per non parlare dei rash cutanei, allergie, o piccoli traumi che vengono scambiati per otite media.
Il farmaco di elezione: amoxicillina, sebbene i medici abbaiano saputo, fin dal 1991, che i bimbi che hanno assunto amoxicillina per una semplice otite media, hanno dalle 2 alle 6 volte una maggiore possibilità di infezioni ricorrenti rispetto ai bimbi che non hanno mai assunto quell'antibiotico. (JAMA, 18 dicembre 1991).
L'intero scenario è fuori controllo e i veri perdenti sono proprio i bambini. L'infanzia è la loro unica chance per sviluppare le proprie difese naturali per l'ambiente in cui vivranno per il resto della loro vita. Ogni volta che un bimbo assume antibiotici immotivatamente possono avvenire tre cose:

Praticamente il 100% delle volte, i bimbi sono guariti comunque, senza farmaci, come hanno fatto dai secoli precedenti fino al 1940. I bimbi si ammalavano talvolta, come un albero si trova talvolta dentro la tempesta. In questo modo costruivano la loro forza intrinseca. I superprotetti, sovramedicati e ipertrofici bambini americani sono tra i più malati, i più allergici, i più asmatici ed i più obesi bambini del mondo civilizzato.
I bimbi in salute non sono facili alla malattia. Si comincia con il sistema immunitario infantile indebolito da antibiotici inappropriati richiesti da genitori iperprotettivi, da medici che non vogliono litigare con loro e spinti dalle compagnie farmaceutiche a suon di denaro e premi. Si, si, sappiamo tutto sulla pericolosità della meningite spinale. Ma date una occhiata all'incidenza della meningite nelle popolazioni che non assumono antibiotici e che non sono state vaccinate: praticamente nulla, in paragone alle popolazioni che invece hanno abusato di vaccini e antibiotici.

Lasciate stare i bambini!

Cosa viene danneggiato nel nostro corpo quando distruggiamo i batteri corporei diverse volte all'anno e in modo non necessario?
I Probiotici, ecco cosa. Come? Probiotici. I microbi buoni. Ci sono circa 300 tipi di batteri buoni nel nostro colon, necessari a molte funzioni vitali, compresa la completa digestione, l'assorbimento di vitamine e nutrienti e il mantenimento del controllo su altri microbi potenzialmente in grado di fare danno. Gli antibiotici uccidono tutti questi microbi. Ci vogliono settimane o mesi prima che questa flora sia ricostituita. In questo lasso di tempo si ha una cattiva digestione, conosciuta anche come putrefazione, rancidità. Come nel caso di John Wayne. L'autopsia mostrò che nel suo intestino erano rimaste 44 libbre di cibi indigeriti al momento della sua morte!

Un altro problema dell'uccisione dei batteri corporei, è che non sarà più possibile farlo. La pervasività degli antibiotici nella razza umana con pillole, cibo e animali di cui ci nutriamo, ha promosso la sopravvivenza di batteri mutanti o resistenti. Gli scienziati hanno fatto alcune straordinarie scoperte, trovando batteri antibiotico-resistenti nel corpo di appartenenti a tribù africane, che vivevano in condizioni di totale isolamento dal mondo civilizzato, con nessuna possibilità di contatto con farmaci di alcun genere! (Garrett) Il punto è, in 50 anni virtualmente tutti hanno sviluppato un certo grado di immunità agli antibiotici, direttamente o indirettamente. La flora mutante è ora quella normale. Quindi se prendiamo antibiotici a largo spettro, questi uccideranno la flora non-resistente, lasciando quale? Quella mutante, ovvero resistente.
La maggior parte delle autorità sanitarie del National Institutes of Health, del Centers for Disease Control e della World Health Organization concordano sul fatto che l'antibiotico resistenza sarà la sfida numero 1 nel 21mo secolo. Sarà il settore in cui vedremo un incremento preoccupante del tasso di mortalità: le infezioni senza possibilità di cura.

Una fonte nascosta di antibiotici è il CIBO. Metà degli antibiotici prodotti nel mondo ogni anno (50 milioni di libbre nei soli Stati Uniti), secondo le statistiche, sono dati agli animali come pollame e bestiame. L'80% degli antibiotici per animali sono forniti per promuovere la crescita dell'animale, non la sua salute. (Levy, p140) Gli antibitoici sono usati estesamente anche su frutta e verdura, ma anche negli allevamenti ittici. La lavorazione alimentare non distrugge gli antibiotici. Quando mangiamo questi prodotti, gli antibiotici per animali sono ancora molto potenti ed hanno un effetto significativo sulla flora batterica umana. Ciò complica ulteriormente i problemi legati alle resistenze agli antibiotici. Ci sono persone resistenti ad alcuni antibiotici, senza che li abbiano mai assunti per prescrizione medica.
Gli antibiotici per animali diventano sempre più potenti ogni volta. Secondo il Journal of the South American Veterinary Association, del 1996, un recente antibiotico chiamato salinomicina, è stato somministrato ad un campione di bestiame. Il farmaco ha ucciso il 10% del bestiame per scompenso cardiaco!
Il bello è che la FDA conosceva da diversi anni il fenomeno dello spillover (scambio) di antibiotici tra animali e umani. Tornando al 1976, il Commissario della FDA Donald Kennedy aveva pubblicamente avviato una campagna per eliminare gli antibiotici dall'alimentazione animale. (New Eng J Med, 9 settembre 1976) Alla fine le compagnie farmaceutiche hanno vinto ed alti dosaggi di antibiotici vengono dati agli animali a tutt'oggi.

The Big Boys

Quella degli antibiotici è una industria da 23 miliardi di dollari all'anno, nei soli USA. Il suo proposito non è, e non è mai stato, la salute. Il suo proposito è la crescita del mercato. Come industria, è vittima del suo stesso successo. Stuart Levy, MD ha scritto che l'aver assunto antibiotici come fossero delle M&Ms per così tanti anni "ha causato la distruzione della forza degli antibiotici, cosa che io chiamo distruzione di un miracolo."
Forse ora state dicendo, «oh niente paura al riguardo delle resistenze agli antibiotici - uscirà qualcosa di nuovo».
Nulla risponde al cambiamento come la crescita del mercato dell'industria. Le compagnie farmaceutiche conoscono meglio di chiunque altro l'avvento dell'era post-antibiotici. Un articolo della rivista Clinical Infectious Disease, supplemento del 1997, affermava che:
"...alcuni nuovi antibiotici sono in fase di sviluppo e nonostante questo nessuna nuova classe di antibiotici è stata introdotta nella pratica medica in più di 20 anni. Tutti i recenti nuovi antibiotici sono perfezionamenti (versioni migliorate) di molecole preesistenti.
Due delle maggiori limitazioni ... sono i costi elevati - circa 300 milioni di dollari per una nuova entità chimica - e l'osservazione che molte delle multinazionali del farmaco hanno effettivamente decrementato la loro attività o anche cessato di investire nella scoperta di nuovi antibiotici."

Che sorpresa. Così tanto impegno per l'umanità. Grazie ragazzi.

Jackpot!

Vogliamo parlare di denaro? Questa è la tabella degli acquisti di antibiotici degli ospedali americani, pubblicata nel libro di Jeffrey Fisher "The Plague Maker" (I fabbricanti di pestilenze).

Qualche domanda?

Di chi è la colpa?

Nel 1981, quando James Curran del CDC era stato ignorato dai suoi superiori al riguardo dell'epidemia di AIDS, Mark Lappe scrisse un libro chiamato "Germs That Won't Die" (Germi che non vogliono morire), in cui ha spiegato la resistenza agli antibiotici. Un paragrafo di questo libro affermava che:
"Sfortunatamente, stiamo creando uno scherzo al mondo naturale con l'uso di questi prodotti chimici, rendendoli più perfetti in una modalità che ha cambiato l'intera costituzione microbica dei paesi sviluppati. Ora abbiamo degli organismi proliferativi che non erano mai esistiti prima in Natura. Li abbiamo selezionati. Abbiamo organismi che avevano causato il 10% delle malattie in passato, che ora causano il 20-30% delle malattie che ora stiamo osservando. Abbiamo cambiato l'intera faccia del pianeta con l'uso degli antibiotici."

La festa è quasi finita

Gli antibiotici sono stati davvero una medicina miracolosa ed hanno salvato migliaia di vite umane. Ma il tempo del miracolo sta per finire. Gli anni '90 hanno visto risorgere malattie virali e batteriche, dopo oltre 50 anni di controllo sulle malattie infettive, secondo il numero di aprile 94 del New England Journal of Medicine. Se la disseminazione degli antibiotici fosse stata data in mano agli scienziati, invece che alle farmacie ed ai medici prezzolati, forse l'epidemica antibiotico-resistenza in cui stiamo precipitando, non sarebbe avvenuta. Almeno non così rapidamente. Sto parlando degli scienziati che avevano capito quello che Fleming sapeva, che Bechamp sapeva e che Pasteur stesso infine ammise: che i microbi non causano le malattie e che i farmaci non le curano.
Gli antibiotici erano e sono per una unica cosa: infezioni potenzialmente mortali. Non per l'influenza. Non per le infezioni minori delle orecchie. I bimbi ogni tanto si ammalano. In quella condizione sviluppano il proprio sistema immunitario. È OK prendersi una influenza qualche volta; danno al corpo l'occasione di usare il proprio potere di difesa, come la febbre, l'infiammazione, la tosse, il gonfiore. Questi sintomi non sono la malattia, ma solamente dei segni che dicono che il corpo sta ritrovando il suo equilibrio. Attaccare i sintomi, significa attaccare il corpo stesso e rendergli più difficile il compito di tornare ad uno stato di salute. Un corpo a cui è concesso di guarirsi da solo sarà più resiliente, più resistente nel futuro. È la resistenza che vogliamo.

[...]
L'articolo originale procede con alcune considerazioni sul sistema immunitario e su misure preventive che nulla hanno a che fare con le 5 Leggi Biologiche di cui tratta questo sito. Non ho proseguito nella traduzione per non gettare confusione nel lettore. Tuttavia il link all'articolo originale è il seguente: http://www.life-enthusiast.com/post-antibiotic-age-germ-theory-a-67.html.
Quello che mi preme indicare con questo lavoro è il fatto che la Quarta Legge Biologica afferma ciò che la medicina scientifico-commerciale sta scoprendo suo malgrado e malgrado i suoi silenzi interessati.
Spero che questo articolo sia fonte di riflessione per chi ancora crede che Madre Natura ci abbia scelti per vivere una vita di paura e persecuzione.
A voi le vostre conclusioni.

Riferimenti

  1. Guyton, Arthur - The Textbook of Medical Physiology Saunders 1996
  2. Chopra, Deepak MD - Quantum Healing Bantam 1989
  3. James, Walene - Immunizations: The Reality behind the Myth Bergin&Garvey 1995
  4. CDC - "Emerging Infections: Microbial Threats to Health in the U.S." 1992
  5. Garrett, Laurie - The Coming Plague Penguin Books 1994
  6. Turner Broadcasting Network - The Coming Plague May 1997
  7. Tilden, J.H., MD - Toxemia Explained 1926 Kessinger
  8. International AIDS Conference, Minutes 1993
  9. Hadwen, Walter, MD - Microbes and War
  10. Lindlahr, Henry, MD - The Philosophy of Natural Therapeutics 1918
  11. Hume, Edith - Bechamp or Pasteur? 1932 CW Daniel, London
  12. Howell, Edward, MD - Enzyme Nutrition 1985
  13. Lappe¢ Mark - Germs That Won't Die 1981
  14. Whang, Sang - Reverse Aging 1990
  15. Pearson, R.B. - The Dream and Lie of L. Pasteur 1942 Sumeria Press
  16. Robbins, John - Reclaiming Our Health 1996 H J Kramer, Inc
  17. Levy, Stuart MD - The Antibiotic Paradox Plenum Press NY 1992
  18. Heikkenen T et al. - Prevalence of various respiratory viruses in the middle ear during acute otitis media. NEJMedicine 28 Jan 1999 vol 340:260
  19. Cantekin E et al - Antimicrobial Therapy for Otitis Media With Effusion JAMA 18 Dec 1991 256;23:3309
  20. Williams, G III - "Swearing Off The Miracle"
  21. Hencke, Howard - The Germ Theory: A Deliberate Aberration 1995
  22. Dubos, Rene - Man Adapting 1965, USA Today- 26 Nov 97
  23. Fisher, Jeffrey MD - The Plague Makers 1994 Simon & Schuster
  24. Murray, B MD - "Multiple Antibiotic Resistant pathogenic Bacteria" New England Journal of Medicine, vol.330;17 p1247 28 Apr 94
  25. Preston, Richard - The Hot Zone 1994 Anchor Books, Doubleday
  26. Hancock, R - "Evolution and Dissemination of b-lactamases", Clinical Infectious Diseases, 1994 Supplement, S19
  27. Slavkin, Harold, MD - "Emerging and Re-emerging Infectious Diseases" Journal of American Dental Association vol.128 Jan 97
  28. Carrell, Alexis MD - Man, the Unknown Harper 1935 New York
  29. Chopra, Deepak MD - Quantum Healing 1989 Bantam
  30. Philllips, Alan - "Dispelling Vaccination Myths" http://chetday.com/vaccinationmyths.htm
  31. Jensen, Bernard - Empty Harvest 1990 Avery
Riassunto : Home →→ Articoli → L'Era post-antibiotici
Utilità : Torna in alto
Aiuto | Info | Contatti
Sito web divulgativo, nessun diritto riservato.
I contenuti del sito sono di libero utilizzo
CSS3 | HTML 5
Guest blogging Italia