Attivazioni Biologiche

Ipercolesterolemia

L'aumento della quota colesterolemica nel sangue è, secondo le 5LB la conseguenza di un SBS a carico delle arterie. La tanto decantata suddivisione tra colesterolo "buono" e "cattivo" è del tutto immotivata.

Tratto da: DICCIONARIO DE BIODESCODIFICACIÓN

Stadio conflittuale: Svalutazione
Conflitto: Gente alla quale costa costruirsi e realizzarsi
Risentito: «Mi costruisco da solo». «Posso contare solo su me stesso». «Non ricevo l'appoggio della famiglia».
Trigliceridi: «Io ricevo, e non porto nulla».

Legenda delle sigle: CA = Conflitto Attivo; PCL = PostConflittoLisi; CE = Crisi Epilettoide; SB = Senso Biologico;


Tratto da un documento web ora non più disponibile

"La stragrande maggioranza delle persone vuole essere inquadrata, sentirsi al sicuro, protetta da eventi, circostanze, condizioni e altro; a volte anche da se stessa.", ha scritto Jacques Languirand. Questa ricerca di sicurezza" fa il business di grandi strutture redditizie che cercano di sorvegliare la nostra salute. Sotto la sua patina d'onore, questo sistema sanitario è una vasta macchina per condizionare lo spirito. Pubblicità, promozione, marketing, consumo ...
Quella stessa macchina infernale si prende cura dell'educazione di medici e pazienti ...
E la vera scienza?

"Nel 99,5% dei casi, l'occlusione di un'arteria, che è la causa dell'infarto del miocardio, è attribuibile a un coagulo. E ciò che provoca la formazione di coaguli nelle arterie non è il colesterolo. È l'iperreattività delle piastrine del sangue." Sostiene il Dr. Michel de Lorgeril, specializzato nella prevenzione delle malattie cardiovascolari da 30 anni. Questo cardiologo di fama internazionale per il suo lavoro, ricercatore presso il CNRS (CENTRO NAZIONALE PER LA RICERCA SCIENTIFICA), vive a Grenoble, in Francia. Autore della bomba medica "Dì al tuo dottore che il colesterolo è innocente e ti curerà senza farmaci", mostra che la "teoria del colesterolo" non è supportata da alcuna solida base scientifica, evidenziando in particolare i trucchi e i difetti di fabbricazione di studi per quanto famosi, che servono per la promozione di numerosi medicinali, il che assicura che siano tanto inutili quanto pericolosi. È l'intero mercato del colesterolo - esami del sangue, medicine, nutrizione - che sta affondando.

Ed è lungi dall'essere l'unico specialista che rovina scientificamente il mito del colesterolo "cattivo". La rete internazionale di scettici del colesterolo (THINCS: www.thincs.org), che riunisce circa 80 ricercatori, dice che: le persone con un basso indice di colesterolo hanno più aterosclerosi di quelli con un alto tasso. Cardiologi disinformati si basano su studi sperimentali inconcludenti, ma mascherati da complesse formulazioni statistiche, per spaventare milioni di persone in buona salute, a cui sono stati inutilmente prescritti farmaci che si sono dimostrati pericolosi, oltre a incitarli a seguire un regime dietetico fastidioso e insipido, presumibilmente fatto per abbassare il colesterolo "cattivo".

Secondo il portavoce di THINCS, l'eminente ricercatore danese Dr. Uffe Ravnskov, ricercatore in medicina interna e nefrologia, un alto indice di colesterolo proteggerebbe, al contrario, da infezioni e aterosclerosi! Il risultato del suo lavoro "Il colesterolo alto può proteggere da infezioni e aterosclerosi" è stato pubblicato su un prestigioso giornale medico, il "Quarterly Journal of Medicine". È anche autore di "I miti del colesterolo", Premio Skrabanek del 1999 dal Trinity College di Dublino per le sue pubblicazioni originali nel campo dello scetticismo medico; nel 2003 riceve il Premio per l'integrità scientifica della "Weston A. Price Foundation", membro del comitato di esperti del "Journal of Swedish Medicine Association" (Läkartidningen) e del quotidiano medico svedese "Tidskriften Medikament"; membro della "New York Academy of Sciences", ecc. Si unisce a numerosi scienziati di tutto il mondo che sanno che nessuna prova supporta l'ipotesi del regime cardioprotettivo.

Possiamo andare oltre la fragorosa affermazione del Dr. Lorgeril. Per quanto riguarda l'impatto sul cuore dell'occlusione di un'arteria, se la sua osservazione è accurata, la sua interpretazione rimane falsa. Sappiamo che l'aterosclerosi è un blocco delle arterie causata da un deposito lipidico, ma non esiste alcun legame tra questo blocco e le malattie cardiovascolari come l'infarto del miocardio. Possiamo avere diverse arterie coronarie bloccate senza alcuna incidenza sulle funzioni cardiache. Il dott. Ryke Geerd Hamer ha scientificamente dimostrato, più di 30 anni fa, che il colesterolo e il blocco delle arterie non erano in alcun modo responsabili di malattie cardiache e che il colesterolo è piuttosto coinvolto nella riparazione delle arterie danneggiate. Pertanto, un livello elevato di colesterolo indica un processo di riparazione naturale nel corpo. Il direttore della ricerca in cardiologia all'Università di Vienna fu d'accordo, ma si rifiutò di rivelare pubblicamente i fatti. Non solo avrebbe perso la sua posizione di prestigio, ma il grande pubblico, informato su una diversa impostazione medica, avrebbe protestato furiosamente!

Il colesterolo "cattivo": un'impostura

Il colesterolo è una sostanza indispensabile per le cellule di tutti i mammiferi. Non dovremmo nemmeno parlare di colesterolo "buono" o "cattivo", perché questa teoria era scientificamente fasulla. Un livello elevato di colesterolo non è pericoloso in sé. Inoltre, numerosi studi hanno dimostrato che l'aterosclerosi ha influenzato le persone in modo indistinto, qualunque fosse il loro livello di colesterolo. Secondo il dottor Ravnskov, produciamo più colesterolo se mangiamo meno e produciamo meno se mangiamo di più. La famosa dieta "cretese" (o mediterranea) raccomandata per i cardiopatici sarebbe un trucco, poiché venti studi clinici hanno dimostrato che le persone che avevano avuto un infarto non erano grandi consumatori di grassi più di altre. Anche i vegetariani hanno attacchi di cuore e tumori digestivi. "Il grado di aterosclerosi all'autopsia non è legato al regime dietetico né la mortalità cardiovascolare né la mortalità totale sono state migliorate con medicinali il cui unico effetto è abbassare il colesterolo. Al contrario, questi medicinali sono pericolosi e possono ridurre l'aspettativa di vita."

Decenni di bugie

"L'idea che i grassi saturi causino malattie cardiache è totalmente falsa, ma questa affermazione è stata così tanto pubblicata negli ultimi trent'anni e più, che è molto difficile convincere altrimenti le persone, a meno che siano disposte a dedicare del tempo alla lettura e all'apprendimento di tutti i fattori economici e politici che hanno prodotto l'idea del grasso anti-saturo", afferma Mary Enig, esperta internazionale nel campo della biochimica lipidica, nutrizionista ed editrice associata di numerose pubblicazioni scientifiche, tra cui il "Journal of American College of Nutrition", e presidente della "Maryland Nutritionists Association".
Il pr. Michael Gurr della Oxford School of Biological and Molecular Sciences, caporedattore di Nutrition Research Reviews, conclude: "L'analisi e le discussioni intorno alle prove che presentiamo, probabilmente non convinceranno quegli "esperti" che hanno già fatto i conti con l'idea che una dieta ricca di grassi sia la causa delle malattie cardiovascolari. (...) Tuttavia, spero che alcuni lettori, che potrebbero non aver saputo che l'ipotesi lipidica non era priva di difetti, siano persuasi che la relazione tra i nostri grassi alimentari e il rischio di morire per infarto non si limiti a questi argomenti semplicistici".
L'idea della dieta cardiaca è "la più grande finzione del nostro tempo", secondo Pr George Mann, che era particolarmente critico nei confronti degli studi sull'abbassamento del colesterolo: "Mai nella storia della scienza abbiamo visto fallire così tanti studi costosi, con così tale regolarità ".
Nel 1977, nel "New England Journal of Medicine", avevano pubblicato i loro forti argomenti contro la teoria del regime cardioprotettivo: l'assenza di una correlazione tra abitudini alimentari e colesterolo nel sangue, tra le modifiche nel corso del 20mo secolo del consumo di grasso e tasso di mortalità negli Stati Uniti, nonché i risultati deludenti di studi che affermano di abbassare il colesterolo.

Uno studio distorto sostiene la campagna contro il colesterolo

L'influenza titanica dei farmacisti
I produttori di medicinali anti-colesterolo hanno instillato nei medici il concetto che un alto indice di colesterolo danneggia le pareti dei vasi sanguigni, provocando il loro ispessimento e, in breve, la loro ostruzione, causando infarti e ictus. Oggi sappiamo che era solo una strategia di marketing, immaginata dall'industria farmaceutica.
"Se un indice di colesterolo alto dovesse danneggiare le pareti dei vasi sanguigni, questo dovrebbe essere vero per tutti i vasi del nostro sistema circolatorio. Questo sistema dovrebbe essere coperto ovunque, e non solo a livello del cuore e del cervello. In altri termini, dovremmo anche avere attacchi di cuore al naso, orecchie, ginocchia, gomiti, dita e altre parti del corpo. Ma chiaramente non è così", ironicamente dice il Dr. Matías Rath (www.dr-rath.com). Per questo motivo, le malattie sono causate da carenze di micronutrienti a lungo termine. "L'unica domanda che mi pongo ancora è la seguente: perché queste informazioni non sono immediatamente diffuse in tutto il mondo? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo parlare di nuovo delle attività di investimento dell'industria farmaceutica che combattono ferocemente contro tutte le scoperte che potrebbero innescare il crollo di tutto il suo commercio nella malattia ".
Secondo il dott. Michel de Lorgeril "Questo è positivo per le industrie farmaceutiche e dell'agrobusiness, per i laboratori di analisi, per i produttori di kit di misurazione, ma anche per i medici che possono trovare un vantaggio in questa medicina automatizzata e remunerativa; e infine ai pazienti che sono stati portati a credere che sarebbero stati protetti senza sforzo".
Dopo tutti questi anni di bombardamenti mediatici, la gente accetterà la verità o cadrà nelle campagne di paura finanziate da milioni di dollari?

Rischio di infarto: il colesterolo non è colpevole
La prescrizione abusiva di farmaci per abbassare il colesterolo si basa esclusivamente su una sola illusione: l'ormai comprovata falsa teoria del colesterolo "cattivo". Il dott. Michel de Lorgeril ha dimostrato che la causa della formazione di coaguli di sangue nelle arterie era l'iperreattività delle piastrine nel sangue, l'iperattività del sistema di coagulazione e l'inibizione del sistema fibrinolitico, che non svolge il suo compito di dissolvere i coaguli quando iniziano a formarsi nell'arteria.
"È vero che i coaguli si formano generalmente nelle arterie che sono state alterate, danneggiate dall'aterosclerosi. Ma ci sono due componenti nell'aterosclerosi: in una proporzione del 70%, è dovuta alla sclerosi, cioè all'infiammazione cronica della parete dell'arteria, un fenomeno in cui il colesterolo non ha alcun ruolo. L'altra dimensione è l'"ateroma", materia grassa che si forma nel cuore stesso della sclerosi. Ma il colesterolo rappresenta solo circa il 30% dell'ateroma. Siamo già caduti a meno del 10% per il ruolo del colesterolo nell'aterosclerosi, e allo 0% per il suo ruolo nella formazione del coagulo. Come puoi vedere, il colesterolo non può, materialmente parlando, intasare le arterie".

Le medicine per l'ipercolesterolemia sono inutili e pericolose
I cardiologi che credono che l'infarto sia dovuto al colesterolo e a cui è stato detto che le statine abbassano il colesterolo nel sangue, li prescrivono per ridurre il rischio di infarto. "Ti ricordo che il 50% delle persone che hanno un infarto muoiono immediatamente o nei giorni seguenti," continua il dott. De Lorgeril. "Quindi, quando guardiamo gli studi clinici degli ultimi cinque o otto anni con statine, (...) Ci rendiamo conto che non riducono la mortalità, il che significa che le statine non hanno alcun effetto sul rischio di morte per infarto. Secondo me, prescrivere un farmaco ritenendo che ridurrà i rischi di mortalità, quando non è vero, è una pratica pericolosa. A cui si aggiungono gli svantaggi delle statine."
I recenti studi sulle statine sono, a suo avviso, fortemente distorti e i risultati pubblicati sono frammentari, a volte incoerenti, il che non consente un'analisi lucida dei loro effetti reali. Nella professione medica, basandoci su recenti studi sulle statine, stiamo ripensando le principali raccomandazioni internazionali sulle prescrizioni e in particolare sul dosaggio. Indipendentemente dalle condizioni specifiche di ciascun paziente cardiaco, sono tutti sottoposti allo stesso protocollo.
"Nessuno dei grandi studi di intervento sulle statine si basa su questa nozione suggerita dalla stragrande maggioranza dei lipidologi, e nessuno ha verificato questa ipotesi: tutti hanno usato una dose fissa di statine. (...) Hanno anche in comune l'inconveniente di una popolazione altamente selezionata e osservante che non ci dice molto sulla vita "reale". Nessuno studio osservazionale ha esplorato la relazione tra dose di statina e target di colesterolo LDL. Tutto ciò che si può dire oggi è che i pazienti ad alto rischio cardiovascolare dovrebbero essere trattati con una dose standard di statine, qualunque sia il loro livello di colesterolo LDL. Solo acquisendo questo possiamo considerare di perfezionare il metodo."
(Donner-Banzhoff N, Sönnichsen A. Strategie per la prescrizione di statine. Le prove supportano la prescrizione di una dose standard senza ulteriori test o aggiustamenti della dose BMJ.2008; 336: 288-9 Revue Médecine, maggio 2008, Vol. 4, n. 5).

I ricercatori che pubblicano opere destinate al grande pubblico, essendo i loro lavori scientifici incomprensibili per un neofita e raramente letti da clinici sopraffatti, lo fanno perché sembra essenziale raggiungere il maggior numero di persone sensibili al consumo di medicinali o alimenti artificiali con proprietà anti-colesterolo. "Nella sola Francia, circa 6 milioni di persone consumano questi medicinali. Quindi devi essere semplice e diretto, almeno quanto gli esperti di marketing che lodano i miracoli attesi da questi prodotti", spiega il dott. Ravnskov per giustificare la scelta di rendere accessibili al grande pubblico i risultati delle attività scientifiche pertinenti.

Sospensione dei farmaci: quali sono i rischi?
Secondo le statistiche, il tasso di infarto rimane stabile, nonostante le decine di milioni di prescrizioni di statine. "Beh, non credo che le persone moriranno più se le statine verranno tagliate", afferma il dott. De Lorgeril, anche se il marketing dell'industria farmaceutica, già nella fase difensiva, lo afferma. La teoria del colesterolo nella sua forma attuale è solo un castello di carte: non appena usi il tuo senso critico e analizzi scientificamente i dati della biologia sperimentale, dell'epidemiologia e degli studi clinici randomizzati, tutto cade a pezzi.
Il colesterolo non ostruisce le arterie; il rischio di morire per un infarto non è proporzionale al livello di colesterolo nel sangue e abbassarlo non riduce il rischio di morte per arresto cardiaco. Numerosi ricercatori, in particolare negli Stati Uniti e in Scandinavia, si oppongono a questa folle corsa per la medicina preventiva incentrata sulla guerra inutile contro il colesterolo, ma questa parola è confiscata e l'industria fa surf su questa onda senza alcun contro-potere. Non solo il colesterolo è un falso nemico ma è un brutto segno di attacco di cuore. Puoi avere il colesterolo alto e vivere a lungo senza infarto e puoi morire giovane per un infarto con colesterolo normale. Assurdi sono anche i concetti di colesterolo buono e cattivo. Le malattie cardiovascolari sono complesse e multifattoriali e l'idea che siano malattie del modo di vivere, determinate dalle nostre condizioni esistenziali, deve essere accettata."

Secondo Schopenhauer, ci sono sempre tre fasi nel processo di accettabilità di una nuova teoria scientifica (o al contrario, la critica radicale di una teoria esistente): prima viene ridicolizzata, poi viene violentemente criticata, finendo per essere progressivamente accettata. Il dottor Uffe Ravnskov ha già raggiunto il terzo stadio dell'accettabilità della sua posizione scientifica riguardo al problema del colesterolo: l'idea che il colesterolo sia nemico della condizione umana che non poggia su alcuna base scientifica seria. "Non sono sicuro che anche l'intellighenzia medica e scientifica abbia raggiunto un tale grado di maturità su questa domanda." Le reazioni alle sue scoperte rappresentano, secondo lui, "un eccellente test in vivo".

Pr Lars Werkö (Vedi in PubMed le sue numerose pubblicazioni), è un feroce oppositore dell'idea di una dieta cardioprotettiva, ha criticato dal 1976 l'idea di studi epidemiologici sulla prevenzione delle malattie coronariche, in particolare lo studio di Framingham. "Questo dogma si basa su fatti dubbi, ancorati alla speranza spezzata e studi di idee preconcette che utilizzano popolazioni selezionate. Nessuno studio ha mai dimostrato nulla, ma invece di riformulare le loro ipotesi, i sostenitori del regime cardioprotettivo li considerano come la verità. Molto probabilmente sono intervenuti nella vita delle persone perché non sono in grado di attendere prove definitive".

William E. Stehbens, professore del Servizio di patologia presso la Wellington Medical School e direttore del Malaghan Institute for Medical Research di Wellington, in Nuova Zelanda, conclude il suo studio completo di studi sperimentali: "L'uso sistematico e incondizionato di dati non affidabili ha portato a conclusioni affrettate e al sacrificio della verità. (...) Le politiche sanitarie del governo, quando basate su dati inaffidabili, sono indifendibili. (...) Le basi scientifiche per il ruolo dei grassi alimentari e dell'ipercolesterolemia nella genesi dell'aterosclerosi è crudelmente carente. (...) L'ipotesi lipidica gode di una longevità e rispettabilità immeritate. I lettori devono comprendere la natura non scientifica delle affermazioni utilizzate per difendere questa ipotesi e non vedere più quel cattivo consiglio".
In conclusione, alle domande: il colesterolo chiude le arterie? Un aumento del colesterolo è associato ad un aumento proporzionale del rischio di morte per infarto? L'abbassamento del colesterolo provoca un minor rischio di morte per infarto?
La risposta è sempre negativa.

Scopri il tuo sintomo e a cosa ti serve
Scopri il tuo sintomo e a cosa ti serve
Acquista
Iscriviti al Bollettino Novità - Invia il tuo indirizzo E-mail a giorgiobeltrammi@gmail.com

Se ritieni che il mio lavoro abbia un valore, puoi contribuire con una piccola donazione Paypal

A proposito di...
A proposito di...
Bio-Pedia Humana
Bio-Pedia Humana